A seguito di un RX, spesso si ha a che fare con dei termini complessi che non vengono compresi appieno inizialmente: questo articolo si propone di spiegare cosa si intende quando nel referto troviamo una diagnosi di sclerosi dei tetti acetabolari dell’anca e qual è la sua correlazione con la coxartrosi.

Iniziamo a parlare dell’anatomia dell’anca, per comprendere il ruolo dei tetti acetabolari e cosa implica una sclerosi.

Torna in cima

Cosa sono i tetti acetabolari?

sclerosi dei tetti acetabolari

Il tetto acetabolare (conosciuto anche come fossa acetabolare o semplicemente acetabolo) è l’incavo presente nell’anca, in cui si inserisce la testa del femore.

La sua forma permette, assieme alle labbra acetabolari, di mantenere il femore fermo nella sua sede. Questa parte dell’anca è la più soggetta alle pressioni del peso corporeo: pertanto la sua integrità è minacciata da condizioni come:

  • l’obesità;
  • naturale invecchiamento cellulare del corpo umano.

Visto l’importanza di questa parte del nostro corpo, cosa significa avere una sclerosi del tetto acetabolare? E cosa comporta?

Torna in cima

La sclerosi dei tetti acetabolari

Quando si parla di sclerosi, si intende un indurimento di un organo o di un tessuto, dato dall’aumento del tessuto cicatriziale.

Nel caso degli acetaboli, la cartilagine viene a mancare e si concentra in pochi punti, creando un addensamento osseo visibile in RX.

La sclerosi ossea quindi (che sia dell’acetabolo o di altre parti) è un ispessimento dell’osso, che può essere dato, oltre da coxartrosi, anche da infiammazioni e altre patologie.

Torna in cima

Coxartrosi bilaterale con sclerosi dei tetti acetabolari

coxartrosi bilaterale con sclerosi dei tetti acetabolari

Coxartrosi bilaterale con sclerosi dei tetti acetabolari

Le sclerosi ossee possono essere uno dei primi segnali di coxartrosi: generalmente l’usura cartilaginea non è in una fase avanzata in questo stadio, pertanto le terapie conservative sono ancora utili per allontanare nel tempo l’impianto di protesi d’anca.

Osservando le radiografie appare un’area di addensamento osseo anomala, al di sotto della cartilagine usurata.

L’addensamento osseo riduce lo spazio articolare e la cartilagine, che ha il compito di agevolare il movimento tra le ossa, non riesce a svolgere il suo compito a dovere: è comune, infatti, sottoporsi a RX riscontrando del dolore a seguito di movimenti protratti nel tempo, che svaniscono a riposo.

Per valutare qualsiasi tipo di intervento, è comunque necessario sottoporsi a visita specialista quanto prima, presentando RX: in questo si può valutare il quadro clinico completo, mettendo in relazione delle variabili, quali età, sintomi e necessità funzionali del paziente, per scegliere la terapia adeguata.

Torna in cima

La cura per la sclerosi dei tetti acetabolari

Le terapie variano in base allo stadio della sclerosi acetabolare e alla conseguente coxartrosi.

Come abbiamo già detto, è possibile che lo stato di usura della cartilagine non sia estremamente avanzato, permettendo di adoperare inizialmente un trattamento conservativo oppure di medicina rigenerativa, entrambi finalizzati al rallentamento della progressione e alla diminuzione del dolore.

Nei casi in fase più avanzata, la soluzione migliore spesso è l’impianto di protesi d’anca.

Torna in cima

Terapie conservative

coxartrosi esercizi

Per rallentare l’usura della cartilagine, inizialmente si utilizzano farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) e sedute di fisioterapia.

La fisioterapia può essere svolta:

Le terapie in acqua sono molto utili, in quanto si rinforza la muscolatura, senza la spinta del peso corporeo che si ha in condizioni normali.

Questo tipo di terapie basate sugli esercizi, comunque, non risultano efficaci nel medio-lungo periodo.

Torna in cima

Medicina rigenerativa

Nelle prime fasi, ma soprattutto in quelle intermedie, si fa ricorso alle terapie di medicina rigenerativa.

Le tecniche sviluppate in questi ultimi anni permettono di avere buoni risultati, in quanto stimolano, in pazienti con determinate caratteristiche, la rigenerazione cellulare del nostro organismo, con metodi dall’invasività minima.

Le principali tecniche che utilizziamo nel Reparto di Medicina Rigenerativa dell’unità C.A.S.C.O. dell’IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi sono:

  • acido ialuronico;
  • PRP;
  • cellule staminali.

Torna in cima

Acido ialuronico

L’acido ialuronico è importantissimo, in quanto è una sostanza prodotta dal nostro corpo che serve a produrre liquido sinoviale, un utile lubrificante che evita la frizione tra le ossa.

Essendo una sostanza prodotta dal nostro corpo, un’iniezione di acido ialuronico ne stimola un’ulteriore produzione, lubrificando al tempo stesso e agendo sui recettori del dolore (grazie alla sua componente antinfiammatoria).

Torna in cima

PRP

Il PRP, invece, viene creato tramite prelievo del sangue del paziente, che viene centrifugato per ottenere una frazione piastrinica. Questa tecnica si effettua in regime ambulatoriale.

È una sostanza autologa (propria del paziente), con un elevato concentrato di fattori di crescita: il PRP viene iniettato nella zona interessata, agisce in modo antinfiammatorio e stimola la rigenerazione cellulare.

Torna in cima

Cellule staminali

Le cellule staminali si ottengono in modo simile al PRP, ma provengono da un deposito differente: queste, infatti, vengono estratte dal tessuto adiposo e non dal sangue.

Il procedimento di estrazione richiede un’invasività leggermente più alta, in quanto non sia ha un prelievo, ma una piccola liposuzione dall’addome. La processazione avviene attraverso un sistema di microframmentazione e microfiltraggio, che vengono effettuati sul momento: in questo modo vengano eliminate le impurità oleose ed ematiche.

A seguito di questo procedimento si prosegue con l’infiltrazione del composto direttamente nell’anca.

Il vantaggio delle cellule mesenchimali staminali risiede nel suo alto potenziale rigenerativo.

Torna in cima

La protesi d’anca

protesi anca

Nei casi in cui la sclerosi dei tetti acetabolari dovesse indicare una coxartrosi in fase più avanzata, la scelta chirurgica viene presa in considerazione.

La scelta della protesi varia in base:

  • all’età del paziente;
  • al suo peso;
  • allo stato muscolo-tendineo;
  • alla condizione ossea.

Il planning pre-operatorio permette di capire nel dettaglio che tipo di scelte compiere, come i materiali e la tipologia, ridando al paziente una mobilità che con il tempo è andata sempre più ad affievolirsi.

Per entrare nel dettaglio dell’operazione e di tutte le scelte che vengono fatte – dal momento della decisione al recupero post-operatorio – ti consiglio di leggere questo articolo e ti invito a scrivermi per pormi qualsiasi tipo di domanda.
Torna in cima

Risolvi ora il tuo problema con una visita specialistica