La decisione di procedere con l’impianto di protesi di ginocchio, porta con sé una serie di domande che il paziente, in studio, può dimenticare.

Per questo ho deciso di scrivere le domande più significative su:

  • prima dell’intervento;
  • l’intervento di protesi di ginocchio;
  • dopo l’intervento,

che mi sono state fatte dai pazienti nel corso del tempo, per levare ogni dubbio su una chirurgia ormai molto comune come quella della protesi di ginocchio.

Queste procedure (tempi e modalità) sono relative alle liste operatorie dell’Istituto Ortopedico Galeazzi di Milano, pertanto potrebbero variare da centro a centro.
Torna in cima

Prima dell’intervento

In questa fase saranno fondamentali:

  • gli esami da effettuare per la valutazione fisica generale del paziente;
  • alcuni comportamenti che il paziente deve attuare (nei limiti delle sue possibilità) prima del ricovero;
  • la collaborazione del paziente nel riportare la sua storia clinica nel dettaglio (chiedendo al proprio medico di base).

Torna in cima

Posso fare attività sportiva prima dell’intervento?

Sì, compatibilmente con il dolore, anzi viene consigliata un’attività motoria in modo da potenziare la muscolatura ed agevolare il recupero post-operatorio.

Si consiglia inoltre di:

  • controllare il peso;
  • evitare la sedentarietà;
  • smettere di fumare (o comunque diminuire sensibilmente le sigarette giornaliere);

Torna in cima

Sarà necessario il ricovero?

Sì, per effettuare gli accertamenti per l’operazione e fornire assistenza per la mobilità a seguito dell’intervento.

Generalmente il ricovero inizia il giorno prima dell’operazione, in cui verranno svolti gli esami propedeutici e, se idonei al protocollo “fast track”, potrete tornare a casa dopo 3 giorni: diversamente, il ricovero può essere esteso fino a 5/7 giorni, in attesa della riabilitazione.
Torna in cima

L’intervento di protesi di ginocchio

L’intervento si struttura in tre fasi fondamentali:

  • anestesia;
  • planning pre-operatorio (in cui viene fatta la scelta dei materiali e una previsione del risultato finale);
  • l’intervento vero e proprio.

Torna in cima

Quanto dura l’intervento?

intervento protesi ginocchio quanto dura

La durata varia in base alla protesi utilizzata, generalmente possiamo schematizzare le tempistiche in questo modo:

Torna in cima

Che tipo di anestesia viene utilizzata?

Generalmente si ricorre ad anestesia epidurale (loco-regionale periferica), indicata per operazioni agli arti inferiori. Nei pazienti con elevato rischio di trombosi degli arti, si può ricorrere ad anestesia generale.
Torna in cima

Dopo l’intervento

Questa fase è fondamentale per riacquisire completamente la mobilità articolare ed eliminare il dolore: non va mai sottovalutata, in quanto è il compito principale che dovrà svolgere il paziente.
Torna in cima

Quanto dura il dolore dopo l’intervento?

La durata del dolore è variabile, dipende dalla cura del paziente nel seguire i protocolli post-operatori: come accennato prima, anche una muscolatura più forte può aiutare in questo senso.

Il dolore può in alcuni casi fermare il paziente dall’attuazione degli esercizi di fisioterapia: questo non deve assolutamente accadere, in quanto l’arto va stimolato spesso, per raggiungere il prima possibile la completa estensione.

Il dolore, dunque, può essere parte del processo di guarigione (alle volte anche protratto nel tempo), ma va inteso come una tappa del percorso per ottenere il recupero completo del movimento dell’articolazione.

In linea di massima, i primi 3 giorni sono il periodo più critico.
Torna in cima

Come posso dormire con la protesi di ginocchio?

Per almeno 2 mesi è bene dormire solo sull’arto sano, non su quello operato, o in posizione supina: nei giorni successivi all’operazione sarà necessario, inoltre, posizionare un cuscino tra le gambe, avendo cura che l’arto operato mantenga sempre una posizione distesa.
Torna in cima

Quanto dura la riabilitazione?

protesi ginocchio riabilitazione

Anche in questo caso i tempi possono essere diversi, influenzati anche dalla forza muscolare pre-operatorio del paziente.

L’importanza di eseguire degli esercizi fisici sia prima che dopo l’intervento cambia le tempistiche di recupero: alcune persone sono in grado di camminare senza le stampelle già dopo 2 / 3 settimane, con un recupero completo della funzione dopo 6 settimane; altre possono richiedere tempi più lunghi, in quanto ogni paziente ha tempi di recupero e protocolli riabilitativi differenti.

Diversamente da come alcuni credono, non si utilizza nessun tutore dopo l’intervento, ma le stampelle per un periodo di tempo variabile.

In questa fase, si consiglia di utilizzare delle scarpe chiuse con suola in gomma antiscivolo, per avere maggior controllo dell’arto operato, ed eliminare i tappeti nelle zone utilizzate dal paziente nella casa.

Un concetto per me estremamente importante è che ogni paziente ha una sua capacità di risposta.

Pertanto è sbagliato confrontare la propria situazione con altri pazienti perché, soprattutto nei primi periodi, la variabilità di risposta è molta ampia:

  • capacità di recupero articolare;
  • capacità di controllo del dolore;
  • capacità di autonomia.

Torna in cima

Qual è la durata media di una protesi di ginocchio?

La durata media di una protesi è di 15 anni, anche se non esiste una data di scadenza; pertanto in base alle richieste funzionali può essere maggiore, arrivando fino a 20 o addirittura 25 anni.

È bene comunque effettuare controlli specialistici seriati nel tempo per monitorare e valutare sempre la salute della protesi e la condizione generale dell’articolazione.
Torna in cima

Posso lavare il ginocchio operato subito dopo l’operazione?

In questo caso bisogna fare molta attenzione ed evitare che la ferita ancora aperta venga messa in acqua, per agevolare la guarigione e riprendere il prima possibile le abitudini quotidiane.

Una volta rimossi i punti, dopo 15 giorni dall’intervento, ci si può lavare senza alcun problema.
Torna in cima

Quali sport posso praticare con la protesi di ginocchio?

protesi ginocchio sport

La protesi di ginocchio va intesa sempre come un aiuto concreto, non come una limitazione: una volta recuperata la mobilità completa, con gli esercizi per il post-operatorio ed avendo cura di evitare la sedentarietà, le possibilità sono numerose.

Il paziente operato può praticare:

  • nuoto;
  • bicicletta;
  • golf;

e gli sport considerati a basso impatto per l’articolazione del ginocchio.

Si sconsigliano, invece, sport con alto rischio di traumi o in cui le torsioni ripetute ai danni dell’articolazione possono diminuire notevolmente la durata di una protesi impiantata correttamente.

Torna in cima

Risolvi ora il tuo problema con una visita specialistica